:: ParmAntifa 2.0 ::

Switch to desktop

.:: ParmaAntifa 2.0 :: Portale di informazione anticapitalista ::.

Venerdì 24 ottobre
alle ore 18.00

Enolibreria Chourmo

Presentazione del libro di William Gambetta

I muri del lungo '68
Manifesti e comunicazione politica in Italia
(DeriveApprodi, 2014)

Dialoga con l’autore Marco Adorni (Centro studi movimenti)

Dalla fine degli anni Sessanta, con l’onda lunga del ’68 italiano, il manifesto è stato uno dei principali strumenti della comunicazione politica che, nel vivo di quelle mobilitazioni, conobbe una vera e propria rinascita, sia nel linguaggio grafico che nelle forme d’informazione e agitazione.
La grafica politica si rinnovò anche sulla base degli stimoli e degli impulsi che provenivano da altri paesi, dai manifesti del Maggio parigino a quelli latinoamericani, dai disegni underground statunitensi ai grandi cartelloni della Cina maoista. Sperimentazioni grafiche che si intrecciarono a cliché più consueti, recuperati dall’iconografia del movimento operaio.
Il confronto tra i manifesti italiani e quelli esteri, e tra manifesti di diversi partiti e movimenti, mostra come il linguaggio della rivolta abbia influenzato l’immaginario politico e le sue rappresentazioni iconiche. Nei primissimi anni Ottanta, con il declinare dei movimenti e il ritorno della politica nei luoghi istituzionali, il ruolo di questo medium declinò e la pervasività della televisione lo rese progressivamente marginale o, per lo meno, ne cambiò profondamente la funzione.

a cura di
Centro studi movimenti
Enolibreria Chourmo
Associazione culturale MateriaOff
DeriveApprodi

Published in Appuntamenti
Read more... 0

Tutta Parmantifascista saluta Paolo, si stringe attorno alla sua famiglia e soprattutto a Nicolino. Nel ricordo delle tante battaglie fatte insieme...
Ciao Paolone!
Hasta Siempre!

Published in comunicati-locale
Read more... 0

Venerdì 24 ottobre alle ore 21.00
Spazio Popolare Autogestito Sovescio
Via Nino Bixio 62, Parma

Noi Saremo Tutto
presenta:

H. 21 APERICENA CON DJ SINDACO SKA

H. 22 CONCERTO CON GIPSY PROJECT PT3

A SEGUIRE
DJ SET BALKAN TRAH&ROLL CON LOS BUGANDEROS

Published in Appuntamenti
Read more... 0

Venerdì 24 ottobre alle ore 19.00

Spazio Popolare Autogestito Sovescio
Via Nino Bixio 62, Parma

Dibattito con un compagno di ritorno dalla Carovana Antifascista
Da molti mesi, in tutta Europa, vige una politica del silenzio: nessuna notizia su ciò che il governo nazista di KIev sta facendo nel Donbass ed in tutta l'Ucraina. Nessuna notizia sui bombardamenti di civili, le persecuzioni di Russi, di comunisti, nessun cenno al fatto che l' "europea" Ucraina sia il più grande laboratorio per il neonazismo internazionale.
Per questo, il gruppo musicale Banda Bassotti, insieme ai militanti antifascisti di vari paesi europei, ha dato vita ad una carovana per portare aiuti e solidarietà alle popolazioni del Donbass.

Organizza: NOI SAREMO TUTTO

Published in Appuntamenti
Read more... 0

Ultimo comunicato Insurgent City

Published in comunicati-locale
Read more... 0

Giovedì 16 ottobre

alle ore 20.45

Circolo ARCI A. Zerbini

B.go Santa Caterina 1, Parma

La guerra civile in Ucraina rappresenta un punto di svolta decisivo nella situazione politica mondiale.
Proprio per questo, abbiamo posto la solidarietà agli antifascisti in Ucraina come un asse centrale della nostra attività.
Vogliamo chiarire la reale natura del conflitto e delle forze in campo e facciamo appello a una chiara presa di posizione da parte del movimento operaio in Italia e a livello internazionale, che abbia come assi centrali l'anti-imperialismo e l'indipendenza di classe.

Interverra' Serghei Kirichuk - Borot'ba (Ucraina)

Solidarietà con la resistenza antifascista in Ucraina

Published in Appuntamenti
Read more... 0

SULLA CRESTA DELL'ONDA/SUONI E PAROLE ALLA CONQUISTA DELL'ETERE
Presentazione del numero 34 di “Zapruder. Rivista di storia della conflittualità sociale”

Il numero dedicato alle “radio libere” è curato da Ilaria La Fata, Giovanni Pietrangeli e Luciano Villani

Intervengono Michele Guareschi e i curatori del numero

Durante la serata saranno ascoltate alcune trasmissioni di Zeffirino Ghirarduzzi di Radio popolare Parma del 1978

Venerdì 17 ottobre
alle ore 21.00

presso l'Infoshop dello Spazio Popolare Autogestito Sovescio
B.go San Giuseppe 2, Parma

L'affermarsi di una radiofonia indipendente dal controllo statale è fenomeno relativamente recente nei paesi europei, verificatosi in tempi diversi e con tragitti specifici a seconda del contesto. Ad uno sguardo più attento però affiorano non solo spinte e temi comuni, ma anche punti di contatto e reciproche influenze.
Questo numero di «Zapruder» approfondisce alcuni casi nazionali, allo scopo di agevolare  il confronto tra le varie esperienze e individuare interessi di ricerca trasversali. Oggetto di riflessione massmediologica, questo campo di studi è ancora poco esplorato dalla storiografia, reso oggi più praticabile grazie alla disponibilità di nuove fonti primarie, quali gli archivi sonori di alcune emittenti.
Un processo, quello di liberalizzazione dell'etere, dagli esiti contraddittori, segnato dalle trasformazioni e dai rivolgimenti profondi che hanno attraversato le società europee.  Stimolato da interessi economici, ma anche da esigenze di pluralismo e autonomia, in esso sono avvertibili le sollecitazioni delle mode giovanili degli anni sessanta e settanta, il desiderio di emersione delle culture locali nonché le istanze di rottura e critica dell'esistente che hanno vivificato i coevi movimenti di contestazione sociale. Diversità di intenti e versatilità del mezzo costituiscono dunque altrettanti nodi cruciali che hanno orientato l'impostazione del numero, nel tentativo di cogliere le molteplici potenzialità di un medium che, ancora oggi, non smette di innovarsi.

a cura di
Centro studi movimenti Parma
Storie in movimento - Gruppo di Parma
Spazio popolare autogestito Sovescio

Published in Appuntamenti
Read more... 0

Lo Spazio Popolare Autogestito Sovescio di Parma dà la propria adesione e la massima solidarietà alla manifestazione che si svolgerà sabato 13 Settembre presso i Giardini Margherita di Piacenza in difesa dei lavoratori sottoposti a provvedimenti di licenziamento a partire da maggio 2014 solo perché attivisti sindacali.
Riteniamo come sia scontata questo tipo di politica da parte di una grande multinazionale che impone ritmi e orari di lavoro insopportabili e reprime qualsiasi tipo di attività in difesa dei diritti dei lavoratori.
Non ci stupisce che il lavoro sporco, nonostante la facciata “social ed ecologica” sotto cui si nasconde Ikea, sia affidata a grandi cooperative come la San Martino: conosciamo bene anche noi in quali condizioni versino i “soci" lavoratori delle grandi cooperative, nella nostra provincia in particolare quelle sociali.
Queste cooperative - come la Proges a Parma - sono responsabili della drammatica privatizzazione delle scuole materne, degli asili, delle strutture socioassistenziali, del personale delle biblioteche in combutta con l’amministrazione comunale degli ex sindaci Ubaldi e Vignali: è grazie a loro se i lavoratori sono sempre più sfruttati e i servizi sociali sono sempre più disastrati e costosi.

Non ci troveremo fisicamente sabato a Piacenza perché impegnati in una delle tante lotte cittadine quelle della memoria storica antifascista e per la socialità nel nostro quartiere, ma saremo lì con il cuore.

Saluti antifascisti

Spazio Popolare Autogestito Sovescio

Published in Nazionale
Read more... 0

Venerdi 26 settembre @ Pedale Veloce ore 19
REPORT DAL CAMPO ESTIVO 2014 AD AIDA CAMP

Sabato 27 settembre @ Roma
CORTEO NAZIONALE PER LA PALESTINA

Published in Appuntamenti
Read more... 0

No Copyright - parmantifascista@autistici.org

Top Desktop version